Le applicazioni per la negoziazione del trading mobile presentano dei problemi

Le applicazioni per la negoziazione del trading mobile presentano dei problemi

Le applicazioni per la negoziazione del trading mobile hanno presentato dei problemi per quanto riguarda la sicurezza.
E stata rilasciata una dichiarazione da parte del responsabile della cyber security IOActive su 20 applicazioni per la negoziazione nei mercati finanziari online da cellulare.

“I problemi riscontrati vertono principalmente sulla sicurezza dei dati sensibili.”

Queste applicazioni non presentano le stesse funzionalità rispetto alle applicazioni bancarie online.
Il problema è stato presentato al Summit di Londra che si è svolto a settembre 2017 e che rappresenta il più grande evento europeo come presenza di broker e investitori.

Un settore importante

E’ importante sapere che le applicazioni mobile per il trading gestiscono miliardi di euro in transazioni. Con un tale traffico di utenti e soldi, è verosimile che sia un luogo appetibile per i truffatori. Proprio per questo sono stati condotti dei test di sicurezza da parte della IOActive che hanno prodotto un risultati negativo in materia di scurezza dei dati.

“Il trading mobile presenta dei punti deboli.”

Punti deboli del trading mobile:

Il primo è il più evidente. Il 20% delle applicazioni presentano parole di accesso in testo. Questo fa si che, chiunque con intenzioni poco raccomandabili, possa accedere a informazioni personali, se vengono in possesso del telefono.

Il secondo è un problema di crittografia.
Circa il 60% delle applicazioni indirizzano dati sensibili ai file di registro, che vengono memorizzate ma non criptate.

Il terzo è un problema di certificazione. Il 5% delle applicazioni impiegano canali HTTP crittografati per ricevere e inviare dati senza utilizzare un proprio certificato SSL. Questo rende vulnerabile il canale ad attacchi hacker con un semplice Wifi pubblico.

La reazione delle aziende erogatrici di servizi di trading mobile

Ovviamente le aziende che erogano tali servizi non l’hanno presa bene.

La risposta delle aziende è stata:

I supporti software utilizzati sono la migliore sicurezza che si possa avere per le applicazioni per cellulari per il trading, per verificare il saldo o effettuare versamenti.

Cosa ne pensa il pubblico

Purtroppo la cibersicurezza non è la prima preoccupazione per chi fa trading. La maggior parte degli operatori finanziari sono proiettati verso i guadagni e non verso la sicurezza del proprio account, vuoi per ignoranza o fiducia nel broker.

“La maggior parte degli operatori finanziari non sa distinguere cosa è sensibile e cosa deve essere protetto.”

Questa sensibilità invece è maggiore in un conto corrente bancario, questo potrebbe risultare anche un atteggiamento in contrasto, perché le informazioni riservate sono identiche e in quest’ultimo caso al sicuro.

Questo atteggiamento poco attento per chi fa trading probabilmente viene da un retaggio storico. Gli stessi promotori del Forex online così come per le opzioni binarie, hanno tralasciato di pubblicizzare fortemente le applicazioni di trading come sicure, a favore della possibilità di aprire un mercato altamente redditizio a tutti.

“La poca attenzione degli utenti è probabilmente causata dalla mancanza di sensibilità degli stessi promotori del trading.”

Cosa si dovrebbe fare per migliorare la sicurezza

I regolatori del settore dovrebbero emettere nuove normative in materia di sicurezza per il trading mobile ovvero, linee guida da seguire per lo sviluppo di un software in totale sicurezza nonché, svolgere regolari controlli sulle piattaforme di trading.

www.tradingmania.it

Sito web Partner di www.tradingmania.it